turismo - Blog Euroregion Consulting - Euroregion-Consulting-Blog

Euroregin Consulting
Vai ai contenuti

Menu principale:

Contributi per turismo in FVG

Euroregion-Consulting-Blog
Pubblicato da in FVG ·
Tags: contributiFVGturismo


Concessione di contributi a sostegno dell’attività promozionale relativa alla realizzazione di progetti, manifestazioni e iniziative che favoriscono la promozione turistica del Friuli Venezia Giulia, ai sensi e per effetto dell’articolo 62, comma 1, lettere a) e b) della legge regionale 9 dicembre 2016, n. 21 (Disciplina delle politiche regionali nel settore turistico e dell’attrattività del territorio regionale, nonché modifiche a leggi regionali in materia di turismo e attività produttive).

Beneficiari
Possono partecipare al presente bando tutti i soggetti pubblici e privati, quali ad esempio:
le associazioni, i comitati, le fondazioni, i consorzi, le organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), le imprese anche costituite in rete di imprese, che realizzino progetti che favoriscono la divulgazione dell’immagine del Friuli Venezia Giulia e l’incremento del movimento turistico nonché manifestazioni e iniziative promozionali atte a produrre positivi effetti in ambito turistico o importanti ricadute economiche nel contesto regionale.

Qualora i soggetti beneficiari abbiano natura d’impresa, i contributi sono concessi in osservanza delle condizioni di cui al Regolamento (UE) 18 dicembre 2013, n. 1407/2013 (Regolamento della Commissione relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”), pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea serie L n. 352 del 24 dicembre 2013 o in alternativa nel rispetto delle disposizioni di cui all’articolo 53 del regolamento (UE) 17 giugno 2014, n. 651/2014 (Regolamento della Commissione che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato (Regolamento generale di esenzione per categoria), pubblicato nella GUUE 26 giugno 2014, n. L 107), in presenza dei requisiti e delle condizioni appositamente previsti.

Sono escluse dai finanziamenti le imprese in difficoltà di cui all’articolo 2, punto 18 del citato Reg. (UE) n. 651/2014.

Spese ammissibili
Sono ammissibili le spese, sostenute successivamente al 3 marzo 2017 (data di chiusura del precedente bando, ex art. 10, comma 1 del Regolamento), riferite alle seguenti voci di spesa:
  • ideazione e produzione di veicoli informativi, gadget e altri materiali promozionali dell’iniziativa;
  • promozione sui media;
  • compensi per attività artistiche, scientifiche, culturali, di comunicazione e sportive;
  • compensi per forniture di beni e servizi;
  • rimborsi spese a collaboratori;
  • spese di segreteria organizzativa e assistenza;
  • ospitalità;
  • noleggio strutture e attrezzature;
  • trasporti.

Non sono ammissibili gli oneri per il personale dipendente, se non assunto esclusivamente per la realizzazione dell’iniziativa finanziata, e le spese di investimento ossia relative a quei beni durevoli che possono essere utilizzati anche successivamente, rispetto al periodo di svolgimento dell’iniziativa (es. apparecchiature tecniche ed informatiche, fotografiche, materiali edili, attrezzature diverse, arredamenti, ecc.).

Si precisa, inoltre, che:
  • le spese devono essere direttamente ed inequivocabilmente riconducibili all’iniziativa per la quale si chiede il contributo; saranno pertanto esclusi ad esempio i rimborsi chilometrici forfettari, ad eccezione di quelli normativamente previsti per la specifica casistica;
  • le spese devono essere documentate da fatture e note di addebito intestate al beneficiario e regolarmente quietanzate;
  • tutte le spese dovranno essere conformi a quanto previsto dall’art. 31 della L.R. 7/2000, Inoltre “Non è ammissibile la concessione di incentivi di qualsiasi tipo a fronte di rapporti giuridici instaurati, a qualunque titolo, tra società, persone giuridiche, amministratori, soci, ovvero tra coniugi, parenti e affini sino al secondo grado. Tale disposizione si applica qualora i rapporti giuridici instaurati assumano rilevanza ai fini della concessione degli incentivi.”

Al momento della presentazione del rendiconto le spese devono essere pagate e il beneficiario del contributo deve pertanto essere in possesso delle contabili di pagamento (es. ricevuta del bonifico, copia dell’assegno e dell’estratto conto bancario dal quale risulti l’addebito sul conto corrente, etc.) oppure della dichiarazione liberatoria rilasciata dal fornitore e attestante il pagamento delle fatture o ricevute relative all’acquisto dei beni o servizi (tale dichiarazione può consistere anche nell’apposizione sulla fattura o ricevuta della dicitura “pagato” con indicazione della data, della firma del fornitore e del suo eventuale timbro). Si ricorda che, ai sensi della vigente normativa, i pagamenti in contanti sono ammessi per importi inferiori a € 3.000,00 (tremila/00) e tale limite opera anche per frazionamenti dell’importo in più operazioni.

Valutazione degli interventi ammissibili a contributo
Gli interventi ammissibili a contributo sono valutati dal Comitato di valutazione delle iniziative per la promozione turistica. I progetti, le manifestazioni e le iniziative sono valutate sulla base dei seguenti criteri:
Rilevanza della manifestazione/iniziativa nel settore di intervento:
  • Internazionale: punti da 16 a 20
  • Nazionale: punti da 11 a 15
  • Regionale:punti da 5 a 10
  • Ricadute della manifestazione/iniziativa sul settore di intervento (punti da 12 a 48)

Tipologie della manifestazione/iniziativa:
  • Numero di enti e organismi coinvolti nell’iniziativa organizzativa dell’iniziativa: punti da 3 a 8
  • Particolare interesse in termini di promozione integrata del territorio: punti da 5 a 10
  • Storicità della manifestazione/iniziativa: punti da 5 a 10
  • Grado di innovazione delle azioni di valorizzazione proposte: punti da 7 a 20
  • Carattere consolidato della manifestazione/iniziativa
  • Manifestazione/iniziativa a carattere promozionale già finanziata nell’ultimo biennio dal servizio competente in materia di turismo: punti 5
  • Manifestazione/iniziativa a carattere promozionale non finanziata nell’ultimo biennio dal servizio competente in materia di turismo: punti 7
  • Importo del finanziamento richiesto:
  • Fino al 50% della spesa complessiva da sostenere: punti 7
  • Oltre il 50% e fino al 70% della spesa complessiva da sostenere: punti 5
  • Oltre il 70% della spesa complessiva da sostenere: punti 3
  • Coerenza e collegamento con il piano strategico di marketing turistico regionale pubblicato annualmente sul sito internet di PromoTurismoFVG per favorire azioni di continuità e integrazione tra quanto previsto a livello regionale e quanto previsto dalla manifestazione/iniziativa:punti da 12 a 40
  • Valorizzazione e rilevanza del patrimonio turistico interessato dalle azioni proposte con la manifestazione/iniziativa: punti da 5 a 30

Il punteggio complessivo per accedere al contributo deve essere almeno pari a 100 punti.

Misura del contributo


Termini presentazione domande
Le domande del 2° bando 2017 devono pervenire esclusivamente tramite procedura informatizzata a partire dalle ore 10.00.00 di venerdì 14 luglio 2017 fino alle ore 12.00.00 di giovedì 3 agosto 2017.






Contributi per strutture ricettive

Euroregion-Consulting-Blog
Pubblicato da in FVG ·
Tags: contributiPMIturismoFVG
La Regione FVG mette a disposizione dei contributi alle imprese turistiche per interventi di costruzione, ampliamento e ammodernamento delle strutture ricettive, acquisto di attrezzature e arredi, realizzazione di parcheggi.
Dott.ssa Selina Rosset - P.IVA: 02895570303 - Via Vittorio Cadel, 35 - Udine - WEB Designer Claudio Rosset
Torna ai contenuti | Torna al menu