PA - Blog Euroregion Consulting - Euroregion-Consulting-Blog

Euroregin Consulting
Vai ai contenuti

Menu principale:

Bando lavoro agile per le Pubbliche Amministrazioni

Euroregion-Consulting-Blog
Pubblicato da in Italia ·
Tags: PAlavorosocialeItaliaprogetto


Descrizione
Nel quadro dell’azione strategica delineata dal PON “Governance e Capacità istituzionale 2014/2020”, particolare rilievo assumono, tra l’altro, i temi della promozione della parità tra uomini e donne e del l'integrazione della prospettiva di genere in tutte le fasi della preparazione e dell'esecuzione dei programmi, anche con riferimento al monitoraggio e alla valutazione delle azioni. La programmazione 2014 -2020, infatti, conferma il valore fondamentale della promozione della parità fra uomini e donne e della non discriminazione, quali principi centrali e trasversali che sottendono l’intero assetto programmatorio, tanto che i programmi operativi della politica di coesione rispondono prioritariamente ad una logica di integrazione dei principi di parità nell’attuazione degli interventi pianificati.

Più nello specifico, il progetto si focalizza sulla realizzazione di un’azione di sistema articolata sul tema della conciliazione vita-lavoro, quale questione centrale e strategica che colloca a pieno titolo il mainstreaming di genere nelle politiche di sviluppo economico, oltre che di accesso e permanenza delle donne nel mondo del lavoro. Le analisi confermano infatti che la difficoltà a conciliare i tempi di lavoro con quelli di vita rappresenta la causa principale di discriminazione delle donne nel lavoro e, più in generale, della mancata partecipazione femminile al lavoro.
È necessario quindi rimuovere tali discriminazioni per liberare il potenziale femminile inespresso intervenendo sull’organizzazione del lavoro anche in quelle realtà che apparentemente garantiscono una parità formale di trattamento, come la pubblica amministrazione. La “liberazione del potenziale” può essere fortemente favorita dall’introduzione dell’ICT nei processi di lavoro e nella vita quotidiana delle persone.

Nell’ambito dell’Asse I, e in coerenza con i contenuti del la recente Legge Delega in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, che prevede interventi volti a favorire la conciliazione dei tempi di vita e lavoro nelle amministrazioni pubbliche anche attraverso la sperimentazione di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa, il tema assume rilevanza anche in termini di rafforzamento delle competenze e delle capacità amministrative. Le innovazioni che si intende introdurre con il ricorso alle succitate modalità di “lavoro agile” sono determinanti per innescare cambi amenti positivi in termini di ammodernamento organizzativo e manageriale, in grado di sviluppare processi virtuosi con impatti positivi sul benessere dei lavoratori e sull’efficacia ed efficienza dell’azione amministrativa.

Il progetto ha come scopo quello di contribuire al pieno raggiungimento dell’Obiettivo tematico n°11 “Rafforzare la capacità istituzionale delle autorità pubbliche e delle parti interessate e un’amministrazione pubblica efficiente”, obiettivo su cui investe il PON Governance per attivare quel processo di cambiamento strutturale a cui sono orientate le politiche del Paese per lo sviluppo e l’occupazione. Le azioni di natura sperimentale per l’introduzione nelle PA di percorsi di lavoro “agile” che saranno attuate nell’ambito del progetto potranno fornire un utile contributo in risposta alle nuove sfide sociali, derivanti anche dall’attuale congiuntura economica, che richiedono sempre più flessibilità ma nello stesso tempo orientamento ai risultati e miglioramento delle performance amministrativo/gestionali, in termini di efficacia ed efficienza.

Beneficiari
Il progetto è rivolto alle amministrazioni centrali e locali (Regioni, Comuni, Aree metropolitane) dell’intero territorio nazionale. Più specificatamente, il progetto è indirizzato in primo luogo ai vertici delle amministrazioni, ai titolari degli uffici responsabili per le politiche di gestione delle risorse umane e per l'organizzazione del lavoro, ai componenti dei Comitati Unici di Garanzia, agli Organismi Indipendenti di valutazione oltre che ai rappresentanti sindacali. È infatti fondamentale che il percorso di cambiamento sia elaborato in stretta sinergia tra le diverse aree e servizi dell’amministrazione (es. personale, formazione, comunicazione, ecc.) nell’ottica del mainstreaming di genere.

Scadenza
Il termine per la presentazione della manifestazione interesse a partecipare alla sperimentazione pilota per l’attivazione di percorsi di lavoro “agile” scade il 15 giugno 2017.






Dott.ssa Selina Rosset - P.IVA: 02895570303 - Via Vittorio Cadel, 35 - Udine - WEB Designer Claudio Rosset
Torna ai contenuti | Torna al menu