FEAMP - Blog Euroregion Consulting - Euroregion-Consulting-Blog

Euroregin Consulting
Vai ai contenuti

Menu principale:

Contributi per imprese di acquacoltura

Euroregion-Consulting-Blog
Pubblicato da in FVG ·
Tags: contributiFVGFEAMPacquacoltura


Obiettivi
La Misura, in linea con l’obiettivo tematico 3 "migliorare la competitività delle PMI" del Quadro Strategico Comune per la programmazione 2014/2020, promuove la competitività delle aziende che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione attraverso la realizzazione di investimenti finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione dell'impatto sull’ambiente, al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro. Si prevede di innovare sia le strutture che i processi produttivi e, al contempo, la possibilità di lavorare sottoprodotti derivanti da attività di trasformazione principale, di prodotti dell'acquacoltura biologica, conformemente agli articoli 6 e 7 del Reg (CE) n. 834/2007, di prodotti provenienti da catture commerciali che non possono essere destinate al consumo umano. Inoltre sono previsti investimenti per la realizzazione di prodotti nuovi o migliorati, che portano a processi nuovi o migliorati o sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati.

Soggetti beneficiari
Sono ammissibili a finanziamento le micro, piccole e medie imprese (PMI) (come definite nella Raccomandazione 2003/361/CE del 6.05.2003) e le imprese diverse dalle PMI (solo attraverso gli strumenti finanziari di cui al Titolo IV della sezione 2 del Reg. (UE) 1303/2013) che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e acquacoltura con sede operativa nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
L’attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e acquacoltura del richiedente verrà verificata attraverso corrispondenza del codice ATECO 2007 in sede di domanda.
Per le imprese che intendano avviare la trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e acquacoltura, attraverso la realizzazione del progetto finanziato dal bando, verrà verificato il possesso del codice ATECO 2007 inerente tale attività riportato nella visura camerale al momento della prima richiesta liquidazione del contributo (anticipo, stato avanzamento lavori, saldo finale).
Sono escluse dalla precedente prescrizione le imprese agricole (come definite dall'art. 2135 del c.c.) che trasformino e commercializzino i propri prodotti della pesca e dell’acquacoltura.
Ai sensi dell’art 125 del Reg. (UE) 1303/2013 il beneficiario deve avere la capacità amministrativa, finanziaria e operativa per soddisfare le condizioni e gli obblighi previsti dal bando per ottenere e mantenere il contributo di che trattasi. A tale scopo deve essere trasmessa altresì una dichiarazione di un soggetto qualificato (revisore dei conti, esperto contabile o commercialista) che attesti la capacità finanziaria del beneficiario a sostenere l’operazione.

Operazioni ammissibili
NB: Il richiedente può presentare una sola domanda di finanziamento.

Sono ritenuti ammissibili a contributo i seguenti interventi, coerenti con gli obiettivi specifici della misura 5.69:
  • che contribuiscono a risparmiare energia o a ridurre l’impatto sull’ambiente, incluso il trattamento dei rifiuti;
  • che migliorano la sicurezza, l’igiene, la salute e le condizioni di lavoro;
  • che sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano;
  • che si riferiscono alla trasformazione dei sottoprodotti risultanti dalle attività di trasformazione principali;
  • che si riferiscono alla trasformazione di prodotti dell’acquacoltura biologica conformemente agli articoli 6 e 7 del regolamento (CE) n. 834/2007;
  • che portano a prodotti nuovi o migliorati, a processi nuovi o migliorati o a sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati.
  • Sono ritenute ammissibili a contributo solo operazioni non materialmente portate a termine o completamente attuate prima della presentazione della domanda di finanziamento.
  • Per operazioni portate materialmente a termine o completamente attuate si intende:
  • nel caso di operazioni riguardanti esclusivamente opere edilizie, l’operazione può essere definita completamente attuata quando sono terminati gli acquisti dei materiali e l’opera è conclusa, dimostrato dai relativi documenti giustificativi;
  • nel caso di operazioni riguardanti esclusivamente acquisto di attrezzature l’operazione può essere definita completamente attuata con la fornitura dell’ultima attrezzatura (la data è desumibile dal documento di trasporto);
  • nel caso di operazioni riguardanti sia l’acquisto di attrezzature che opere edilizie, l’operazione può essere definita completamente attuata, quando entrambe le fattispecie sopra riportate sono soddisfatte.

Spese ammissibili
NB: Le spese per la realizzazione degli interventi sono considerate ammissibili solo se sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda.
Le principali categorie di spese ammissibili riguardano i costi sostenuti per l'attuazione dell'operazione (ad esempio, acquisto attrezzature e/o ammodernamenti, dispositivi di sicurezza, adeguamenti strutturali ecc.).
Sono ritenute ammissibili le seguenti spese che contribuiscono a risparmiare energia o a ridurre l’impatto sull’ambiente, incluso il trattamento dei rifiuti):
  • acquisto e installazione di sistemi di raccolta, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti;
  • generatori ad elevata efficienza energetica ad esempio alimentati a idrogeno o a gas naturale;
  • investimenti per l’introduzione/ammodernamento di impianti ad energia rinnovabile, quali pannelli solari; econometri, sistemi di gestione dell’energia e sistemi di monitoraggio.

Sono ritenute ammissibili le seguenti spese che migliorano la sicurezza, l’igiene, la salute e le condizioni di lavoro), a condizione che gli investimenti che beneficiano del sostegno vadano al di là dei requisiti previsti dal diritto unionale o nazionale:
  • segnali di soccorso e di emergenza;
  • apparecchiature antincendio quali allarmi, estintori, coperte antifiamma, rivelatori d'incendio e di fumo, respiratori, porte tagliafuoco;
  • rilevatori di gas e sistemi d'allarme antigas;
  • protezioni sulle macchine, quali verricelli, ecc.;
  • illuminazione di emergenza;
  • videocamere e schermi/monitor e allarmi di sicurezza, videosorveglianza;
  • acquisto e installazione di cassette di pronto soccorso;
  • acquisto di medicinali e dispositivi per cure urgenti;
  • dotazione di guide e manuali per migliorare la salute sui luoghi di lavoro, compresi software derivanti da analisi e valutazione dei rischi per individuare i rischi che incombono sui luoghi di lavoro al fine di adottare misure atte a prevenirli o attenuarli;
  • servizi igienico-sanitari quali gabinetti e lavabi;
  • attrezzi per la pulizia industriale ai fini del mantenimento delle condizioni igieniche nei luoghi di lavoro;
  • attrezzature per diminuire la movimentazione manuale di carichi pesanti;
  • vernici antiscivolo e stuoie di gomma antiscivolo;
  • dispositivi di protezione acustica e termica e apparecchi di ausilio alla ventilazione.
  • Sono ritenute ammissibili le seguenti spese che sostengono la trasformazione delle catture di pesce commerciale che non possono essere destinate al consumo umano):
  • macchinari ed attrezzature per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti e dei sottoprodotti;
  • macchinari ed attrezzature per l’etichettatura;
  • adeguamento e ampliamento dei fabbricati esistenti;
  • nuova costruzione limitatamente all’area del sito produttivo;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware;
  • per la fornitura e la posa in opera di cassoni coibentati e spese strettamente inerenti l’acquisto dei sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici, per i quali non si può interrompere la catena del freddo, esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro) oppure l’acquisto di un automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non amovibili dalla motrice.

Sono ritenute ammissibili le seguenti spese che si riferiscono alla trasformazione dei sottoprodotti risultanti dalle trasformazioni principali):
  • macchinari ed attrezzature per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti e dei sottoprodotti;
  • macchinari ed attrezzature per l’etichettatura;
  • adeguamento e ampliamento dei fabbricati esistenti;
  • nuova costruzione limitatamente all’area del sito produttivo;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware;
  • per la fornitura e la posa in opera di cassoni coibentati e spese strettamente inerenti l’acquisto dei sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici, per i quali non si può interrompere la catena del freddo, esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro) oppure l’acquisto di un automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non amovibili dalla motrice.
Sono ritenute ammissibili le seguenti speseche si riferiscono alla trasformazione dei prodotti dell’acquacoltura biologica conformemente agli artt. 6 e 7 del regolamento (CE) n. 834/2007:
  • macchinari ed attrezzature per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti e dei sottoprodotti;
  • macchinari ed attrezzature per l’etichettatura;
  • adeguamento e ampliamento dei fabbricati esistenti;
  • nuova costruzione limitatamente all’area del sito produttivo;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware;
  • per la fornitura e la posa in opera di cassoni coibentati e spese strettamente inerenti l’acquisto dei sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici, per i quali non si può interrompere la catena del freddo, esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro) oppure l’acquisto di un automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non amovibili dalla motrice.

Sono ritenute ammissibili le seguenti spese che portano a prodotti nuovi o migliorati, a processi nuovi o migliorati o a sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati:
  • macchinari ed attrezzature per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti e dei sottoprodotti;
  • macchinari ed attrezzature per l’etichettatura;
  • adeguamento e ampliamento dei fabbricati esistenti;
  • nuova costruzione limitatamente all’area del sito produttivo;
  • servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware;
  • spese per ottenimento di certificazioni di prodotto e di processo;
  • spese per campagne di comunicazione e azioni di brand management in grado di valorizzare e differenziare la qualità del prodotto ittico nazionale;
  • per la fornitura e la posa in opera di cassoni coibentati e spese strettamente inerenti l’acquisto dei sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici, per i quali non si può interrompere la catena del freddo, esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro) oppure l’acquisto di un automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non amovibili dalla motrice.

È considerata spesa ammissibile l’acquisto di terreni non edificati e di terreni edificati nei limiti del 10% della spesa totale ammissibile dell'operazione considerata. Per i siti in stato di degrado e per quelli precedentemente adibiti a uso industriale che comprendono edifici, tale limite è aumentato al 15%. Tale spesa è ammissibile purché gli immobili siano direttamente connessi alla finalità dell’operazione prevista e che non siano stati oggetto, nel corso dei 10 anni precedenti alla data di presentazione della domanda, di un finanziamento pubblico.

L’acquisto dei beni materiali è ammesso solo per beni nuovi.
Tutte le voci di spesa devono essere debitamente giustificate da fatture quietanzate o altro documento avente forza probante equivalente.
Spese generali: sono le spese collegate all’operazione finanziata e necessarie per la sua preparazione o esecuzione. Sono spese quantificate forfettariamente e sono ammissibili a cofinanziamento fino alla percentuale massima del 12% dell'importo totale ammissibile, quali ad esempio:
spese per la tenuta del C/C appositamente aperto e dedicato all’operazione;
le spese per consulenza tecnica e finanziaria, le spese per consulenze legali, spese di progettazione, le parcelle notarili e le spese relative a perizie tecniche o finanziarie, nonché le spese per contabilità o audit, se direttamente connesse all’operazione cofinanziata e necessarie per la sua preparazione o realizzazione;
le spese per garanzie fideiussorie, se tali garanzie sono previste dalle normative vigenti;
costi relativi alla gestione amministrativa dell'operazione.

Nel caso in cui il progetto ammesso a finanziamento, oltre alle spese per investimenti, preveda spese generali e spese per acquisto terreni e terreni edificati, la percentuale massima di spesa ammessa riferita ai terreni e terreni edificati verrà calcolata nel seguente modo:



Misura del contributo
Agli interventi di cui alla presente Misura sono assegnate le risorse finanziarie disponibili per capo 4, priorità 5, pari a complessivi Euro 2.480.497,00 con riferimento alla legge di bilancio n. 26 del 29/12/2016 afferenti al Reg. (UE) n. 508/2014 art. 69 più eventuali ulteriori risorse che si rendessero disponibili.
Il massimo contributo concedibile per singolo intervento è stabilito in Euro 850.000,00
Il minimo di spesa ammissibile per singolo intervento è stabilito in Euro 15.000,00

Gli investimenti ammessi possono fruire di un contributo, in relazione alla dimensione dell’impresa come definita nella raccomandazione 2003/361/CE della Commissione Europea, secondo quanto di seguito riportato.



Termine presentazione domande
Le imprese interessate dovranno inviare le domande tramite PEC entro il 02.10.2017.






Dott.ssa Selina Rosset - P.IVA: 02895570303 - Via Vittorio Cadel, 35 - Udine - WEB Designer Claudio Rosset
Torna ai contenuti | Torna al menu